Trading con ETF: mini guida per iniziare

Trading con ETFNel trading online è possibile investire anche sugli ETF, ovvero gli “Exchange Traded Funds”, particolari tipologie di fondi d’investimento che hanno la caratteristica di comportarsi nella negoziazione proprio come titoli azionari. Per questo motivo, chi vuole giocare in Borsa con le azioni può trovare proficuo operare con il ‘trading ETF’.

Chi desidera iniziare ad operare con questo tipo di trading può utilizzare una piattaforma gratuita. Inoltre, operare nel trading con un broker non comporta grandi spese. I costi di commissione applicati agli ETF sono bassi, ed offrono una diversificazione – per natura – che va a comporsi di diversi strumenti in uno. Gli ETF sono composti, infatti, da più titoli di diverse società.

Gli ETF si possono negoziare come fossero azioni perché replicano l’andamento di un indice di riferimento (benchmark). Per questo motivo possono essere acquistati e venduti come in un mercato azionario, nella stessa modalità e rapidità secondo i tempi del trading online. Gli ETF sono strumenti di tipo passivo perché replicano l’andamento del proprio benchmark di riferimento, ovvero se il fondo di riferimento è al rialzo, anche l’ETF sul quale si è investito otterrà il rialzo. Allo stesso modo, se l’indice di riferimento subisce un ribasso, anche l’ETF replicherà questo trend.

Sono diverse le sigle che possono trarci in inganno: ETF, ETC, ETN, ETP, ETFS. Vediamo cosa significano e traducono per non sbagliarci:

  • ETF: Exchange Traded Fund;
  • ETC: Exchange Traded Commodity (con riferimento alle materie prime);
  • ETN: Exchange Traded Note (obbligazioni a lungo termine);
  • ETP: Exchange Traded Products: classe che comprende tutti i prodotti di tipo ET (ETF, ETC, ETN, etc…);
  • ETFS: Exchange Traded Funds Strutturati: si tratta di ETF i cui rendimenti vengono ipotizzati in base all’indice benchmark, leva, money management, etc.)

Ma il contesto ivi presente è quello degli ETF, pertanto continuiamo al nostra analisi e approfondiamone altri aspetti.

Se è vero che gli ETF si compongono di diversi titoli concentrati in un solo fondo, cosa accade se nel fondo di riferimento qualcosa varia in base a decisioni prese dall’alto? O meglio: se in un determinato fondo ci sono azioni Google, Facebook, Apple. Cosa succede se i gestori del fondo decidono di cambiare una di queste società? Niente di apocalittico: l’ETF viene aggiornato e l’acquirente del fondo ne riceve comunicazione preventiva.

È possibile guadagnare con gli ETF?

Proprio per il fatto di essere caratterizzate da commissioni molto basse, (le più basse sul mercato), gli ETF consentono di ottenere elevati profitti, guadagni più importanti visti i costi di gestione. Naturalmente vi sono anche dei rischi da considerare, che possono essere legati ad uno strumento particolare che scegliamo e che si possono arginare con degli opportuni cambiamenti, o rischi fisiologici, ovvero che possono dipendere dal mercato. Questa tipologia di rischi è legata ai vari trend, ai tassi di interesse, alle dichiarazioni di market mover etc…

Se vuoi approfondire il mondo dell’investimento con gli ETF, non perdere tempo alla ricerca di risorse online esaustive e dettagliate. Va direttamente  alla pagina http://www.tradingonline.me e scopri tutti gli argomenti correlati, fra i quali anche come fare trading con gli ETF.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *